il direttivo
lo statuto
come iscriversi
2010
2007
2009
2008
2007
2006
Compro
Vendo
 
 

lo statuto del club...

ART. 1 - ATTO COSTITUTIVO E DENOMINAZIONE:
IL GIORNO 8 NOVEMBRE DELL'ANNO 2005 AI SENSI DELL’ART. 36 E SEGUENTI DEL C.C. SI È RICOSTITUITO A BARLETTA (BA) IL "VESPA CLUB BARLETTA". ESSO FUNZIONERÀ SECONDO LE NORME STABILITE DALLO STATUTO CHE SI ALLEGA AL PRESENTE ATTO COSTITUTIVO.

ART. 2 - NATURA E CARATTERISTICHE:
L’ASSOCIAZIONE IN QUESTIONE È UN ENTE NON COMMERCIALE, NON PERSEGUE FINI DI LUCRO. L’ASSOCIAZIONE HA CARATTERE ASSOLUTAMENTE APOLITICO, IN SENO AD ESSO È VIETATA QUALSIASI DISCUSSIONE O MANIFESTAZIONE POLITICA.

ART. 3 - NATURA E CARATTERISTICHE:
LA ASSOCIAZIONE HA COME SCOPO LA PROMOZIONE DELL’ATTIVITÀ VESPISTICA TURISTICA, CULTURALE, RICREATIVA: NONCHÉ TRASMETTERE LA MOLTITUDINE DI SENSAZIONI, ATTIVITÀ E FENOMENI DI COSTUME A CUI LA VESPA HA DATO LUOGO, FAR CONOSCERE, SALVAGUARDARE E PROMUOVERE IL PATRIMONIO STORICO CULTURALE CHE IL DUE RUOTE PIÙ FAMOSO RAPPRESENTA NEL NOSTRO PAESE E NEL MONDO INTERO ECC.

ART. 4 - DURATA:
LA DURATA DELL’ASSOCIAZIONE E’ A TEMPO INDETERMINATO.

ART. 5 - ASSOCIATI:
CHIUNQUE PUÒ ASSOCIARSI, PURCHÉ:
1. SIA IN POSSESSO DI UNO SCOOTER VESPA
2. CONDIVIDA GLI SCOPI DELL'ASSOCIAZIONE (ART. 2 E 3)
3. LA DOMANDA DI ISCRIZIONE SIA STATA ACCETTATA DAL CONSIGLIO DIRETTIVO A MAGGIORANZA SEMPLICE.
4. IL CONSIGLIO DIRETTIVO SI RISERVA LA FACOLTÀ DI RESPINGERE PER VALIDI E COMPROVATI MOTIVI LA DOMANDA DI AMMISSIONE.
5. SIA IN REGOLA CON IL PAGAMENTO DELLA QUOTA ASSOCIATIVA CHE VA EFFETTUATO ANNUALMENTE ENTRO E NON OLTRE IL 28/02 DELL'ANNO IN CORSO.
6. SI È IN POSSESSO DEI REQUISITI DI PACIFICA CONVIVENZA INDICATI DAL DIRETTIVO DEL VESPA CLUB BARLETTA.
GLI ASSOCIATI SI DISTINGUONO IN:
A) ORDINARI
B) PASSEGGERI (SIMPATIZZANTI).

SONO CONSIDERATI "ORDINARI" TUTTI COLORO CHE ANNUALMENTE VERSANO LA QUOTA ASSOCIATIVA NELLA MISURA FISSATA DAL CONSIGLIO DIRETTIVO PER LA SUDDETTA CATEGORIA. OGNI SOCIO ORDINARIO, NELL'AMBITO ASSEMBLEARE, HA DIRITTO AD UN VOTO NONCHÉ HA DIRITTO DI PRESENTARE PROPOSTE, RECLAMI, RICHIESTE E OSSERVAZIONI AL CONSIGLIO DIRETTIVO. LA TESSERA È L'UNICO E SOLO DOCUMENTO COMPROVANTE LA QUALITÀ DI ASSOCIATO. SONO INVECE CONSIDERATI "PASSEGGERI" (SIMPATIZZANTI) TUTTI COLORO CHE ANNUALMENTE VERSANO UNA QUOTA “SIMBOLICA” NELLA MISURA FISSATA DAL CONSIGLIO DIRETTIVO. IL SOCIO SIMPATIZZANTE NON HA DIRITTO DI VOTO NELL'AMBITO ASSEMBLEARE E NON FA PARTE DEL VESPA CLUB D'ITALIA.

ART. 6 – DIMISSIONI, RADIAZIONE:
LA QUALIFICA DI "SOCIO ORDINARIO" O DI "SOCIO PASSEGGERO" SI PERDE:
A) PER DIMISSIONI;
B) PER RADIAZIONE A CAUSA DI AZIONI RITENUTE DISONOREVOLI O COMUNQUE OSTACOLANTI IL BUON FUNZIONAMENTO DELL'ASSOCIAZIONE STESSA;
C) PER MOROSITÀ.

NB) LA RADIAZIONE DEVE ESSERE FATTA SU VOTAZIONE INAPPELLABILE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO PER MAGGIORANZA.
GLI ASSOCIATI SI IMPEGNANO A PARTECIPARE ATTIVAMENTE ALLA VITA SOCIALE, A OSSERVARE LO STATUTO, TUTTI I REGOLAMENTI E TUTTE LE DELIBERAZIONI E DIRETTIVE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO. SI IMPEGNANO INOLTRE A NON COMPIERE ATTI CONTRARI AGLI SCOPI ASSOCIATIVI O COMUNQUE LESIVI DEGLI INTERESSI E DEL PRESTIGIO DELL'ASSOCIAZIONE.
L’IMPORTO DELLA QUOTA E’ STABILITO ANNUALMENTE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO.
IL DIRETTIVO SI RISERVA DI ESPLICITARE VERBALMENTE O IN MANIERA SCRITTA

ART. 7 – DIRITTI E DOVERI DEI SOCI:
1. A) PARTECIPARE ALLE ATTIVITÀ SOCIALI.
2. B) RITIRARE LE EVENTUALI PUBBLICAZIONI DEL VESPA CLUB ITALIA GRATUITAMENTE
3. C) VOTARE PER IL CONSIGLIO DIRETTIVO AL SECONDO ANNO DI ISCRIZIONE AL CLUB.

ART. 8 - PATRIMONIO:
I MEZZI FINANZIARI DI CUI DISPONE LA ASSOCIAZIONE SONO COSTITUITI DALLE QUOTE DEI SOCI, NONCHÉ DA EVENTUALI CONTRIBUTI STRAORDINARI, DONAZIONI, LASCITI, EROGAZIONI.

ART. 9: - COMUNICAZIONI DI SERVIZIO:
LE COMUNICAZIONI AI SOCI VERRANNO EFFETTUATE INDIFFERENTEMENTE A MEZZO DI SMS, POSTA ELETTRONICA E POSTA ORDINARIA, AFFISSIONE E TRAMITE IL SITO INTERNET. QUALSIASI MEZZO UTILIZZATO TRA QUELLI DESCRITTI SARÀ RITENUTO VALIDO ED EFFICACE.

ART. 10 – CONSIGLIO DIRETTIVO E PRESIDENTE DEL CLUB:
LA PRESIDENZA ED IL SUO CONSIGLIO DIRETTIVO HANNO DURATA DI ANNI 1 (UNO).
IL RINNOVO DELLE CARICHE SI AVRÀ PER VOTAZIONE DI ALMENO IL 30% DEI SOCI.
I NOMINATIVI DI EVENTUALI CANDIDATI A CARICHE INTERNE E NONCHÉ SOSTITUTIVE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEVONO PERVENIRE ALLA ASSOCIAZIONE ALMENO 15 (QUINDICI) GIORNI PRIMA DELLA DATA FISSATA PER LE VOTAZIONI. LA DATA DELLE VOTAZIONI DEVE ESSERE RESA NOTA ALMENO 30 (TRENTA) GIORNI PRIMA DELLA DATA STESSA, TRAMITE LETTERA.
NEL CASO IN CUI NESSUN SOCIO SI SIA CANDIDATO ENTRO I 15 (QUINDICI) GIORNI PREVISTI, RIMARRÀ IN CARICA IL DIRETTIVO USCENTE.

ART. 11 – ORGANIGRAMMA:
SARANNO OBBLIGATORI AI FINI DELLA FORMAZIONE DEL CLUB LE SEGUENTI FIGURE:
PRESIDENTE
VICE-PRESIDENTE
SEGRETARIO
CONSIGLIERE REVISORE
TRE CONSIGLIERI
I CONSIGLIERI DEL DIRETTIVO POSSONO ESSERE DA UN MINIMO DI 3 ( TRE ) AD UN MASSIMO DI 9 (NOVE).
INOLTRE DOVRÀ ESSERE RISPETTATO IL NUMERO MINIMO DI SOCI FISSATO DALLO STATUTO GENERALE DEL VESPA CLUB D'ITALIA - DIREZIONE GENERALE.

ART. 12 – GESTIONE AMMINISTRATIVA E CONTABILE:
L’ESERCIZIO SOCIALE SI CHIUDE IL 31 DICEMBRE DI OGNI ANNO.
LA GESTIONE AMMINISTRATIVA E FINANZIARIA DELL'ASSOCIAZIONE È TENUTA E CONTROLLATA DAL SEGRETARIO E DAL CONSIGLIERE REVISORE. QUEST'ULTIMO ESERCITA PERIODICAMENTE LA VIGILANZA SULL'AMMINISTRAZIONE DELLA ASSOCIAZIONE. IL RESOCONTO DELL'ASSOCIAZIONE SARÀ A DISPOSIZIONE DEI SOCI CHE NE FARANNO RICHIESTA.
LE CARICHE ELETTIVE NON COMPORTANO L’OBBLIGO DI ALCUNA REMUNERAZIONE. LE SPESE DELL’ASSOCIAZIONE DEVONO ESSERE APPROVATE DAL CONSIGLIO DIRETTIVO CHE DECIDE SE POSSONO ESSERE SUPPORTATE O MENO.

ART. 13 - SCIOGLIMENTO:
LO SCIOGLIMENTO DELLA ASSOCIAZIONE PUÒ ESSERE DISCUSSO IN SEDE DI CONSIGLIO CON ASSEMBLEA APPOSITAMENTE INDETTA, CON VOTO FAVOREVOLE DI ALMENO 4/5 DEI SOCI A SEGUITO DELLA DOMANDA SOTTOSCRITTA, DA ALMENO LA METÀ PIÙ UNO DEI SOCI EFFETTIVI E TRASMESSA AL CONSIGLIO DIRETTIVO.
IN CASO DI SCIOGLIMENTO IL PATRIMONIO DELL’ASSOCIAZIONE SARANNO UTILIZZATO PER ULTIMARE LE SPESE PREVISTE E PER SALDARE EVENTUALI CREDITORI.
IL RIMANENTE SARÀ DEVOLUTO AD ENTE OD ASSOCIAZIONE CON SCOPO UMANITARIO E COMUNQUE CON ASSOLUTA ESCLUSIONE DELLA SUDDIVISIONE FRA SOCI.

ART. 14 - STATUTO:
DI PROPRIA INIZIATIVA O CON VOTO FAVOREVOLE DELLA METÀ PIÙ UNO DEI SOCI, IL CONSIGLIO DIRETTIVO PROPONE EVENTUALI MODIFICHE ALLO STATUTO IN VIGORE. IL PROGETTO DI MODIFICA DEVE ESSERE PORTATO A CONOSCENZA DEI SOCI PRIMA DELLA RIUNIONE DEI SOCI.
PER LE MODIFICHE È NECESSARIO CHE ALLA RIUNIONE PARTECIPINO ALMENO IL 30% DEI SOCI E CHE SI ABBIANO ALMENO LA METÀ PIÙ UNO DEI VOTI FAVOREVOLI.

ART. 15 - LEGGI:
QUANTO NON PREVISTO NEL PRESENTE STATUTO E’ REGOLATO DALLE VIGENTI LEGGI IN MATERIA.

ART. 16 – DATI PERSONALI:
I DATI PERSONALI VENGONO TRATTATI IN CONFORMITÀ ALLA LEGGE 196/2003 SULLA PRIVACY.
IL MODULO DI ADESIONE SARÀ SEGUITO DALL'INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13DEL D. LGS. 196/2003